In ricordo di don Edoardo Algeri – di Livia Cadei
26 Luglio 2020
Accompagniamo la famiglia che nasce, anche virtualmente
3 Settembre 2020

Il 2 agosto di un anno fa ci lasciava improvvisamente don Edoardo Algeri.

Una guida importante per me, cui devo molto del mio percorso professionale.

Un uomo che ha speso tanti anni della sua vita a servizio della FeLCeAF(la Federazione dei consultori di ispirazione cristiana della Lombardia) e della CFC (la Confederazione nazionale dei consultori di ispirazione cristiana).

Un prete intelligente e sensibile, attento ai bisogni delle persone.

Ma prima di tutto un amico, cui ho voluto e voglio molto bene.

Ho pensato di ricordarlo con la stesso spirito gioviale che ispirava le sue relazioni con gli altri.

 

Oggi è triste ricorrenza
per gli amici che hai amato…
Ma sentiam la tua presenza
anche se tu ci hai lasciato

in un giorno soleggiato,
lungo strade inerpicate,
dal silenzio circondato
sotto il caldo dell’estate.

Ti vogliamo celebrare
ad un anno dalla morte,
perché in mezzo al nostro andare
il tuo ricordo è ancora forte.

Ricordiamo il tuo sorriso,
la passione e l’accoglienza,
il calore del tuo viso,
la tua grande competenza!

Sempre chiara una missione:
per l’Italia e per il mondo
annunciare alle persone
il messaggio più fecondo!

La famiglia e i consultori
sempre al centro del tuo agire,
hai ispirato molti cuori,
consigliato nel gestire

chi tra noi si è dedicato,
forte proprio del tuo esempio,
a servir chi si è sposato,
chi sta solo, il giusto e l’empio!

Quel che è bello ricordare
è che tanto ci hai insegnato
affiancando al tuo parlare
un affetto smisurato!

In quest’anno che è passato
molte cose son successe…
Tu dall’alto ci hai guardato
ché nessuno mai cedesse

al timore o allo sconforto.
Anche in questi tempi duri,
quando tutto può andar storto,
sono i consultor sicuri!

Pur se nel “distanziamento”
(che oggi va molto di moda!)
avvertiamo un gran fermento
che dal cielo par che esploda:

è la festa della vita
che è più forte della morte!
Tu la nostra hai arricchita,
e noi ti abbracciamo forte!

Ciao, don Edo!

Michele Rabaiotti